I partiti tedeschi e le inquietudini della nuova generazione.

Posted by

In attesa sia dell’esito del voto degli iscritti SPD sia del congresso della CDU (in programma domani a Berlino), che dovrebbero dare un definitivo via libera alla formazione del nuovo governo, i giovani di entrambi i partiti si organizzano e non perdono l’occasione per ribadire le proprie convinzioni e per mettere in difficoltà “gli adulti”.

Cominciamo dai giovani socialisti, riuniti nell’organizzazione Jusos, che ha tenuto a Norimberga da venerdì sino a oggi il proprio congresso. Non si è trattato di un appuntamento rituale: il congresso ha, infatti, bocciato il Patto di coalizione. Il documento era stato presentato da alcuni organizzazioni territoriali (tra cui quella di Berlino) e a nulla è valso l’intervento del segretario Sigmar Gabriel che ha difeso, ovviamente, l’accordo con i conservatori. I giovani socialisti hanno considerato insufficiente l’accordo raggiunto (qui una panoramica dei principali temi del Koalitionsvertrag con i commenti dell’organizzazione giovanile) ma, soprattutto, considerano necessario un cambiamento radicale di politica, che, ovviamente non può essere realizzato insieme ai conservatori.

Il documento, quindi, è durissimo su alcuni punti del Patto di coalizione: pochi gli interventi per assicurare maggiore giustizia sociale, praticamente nulla in termini di una nuova politica europea (per la quale i giovani socialisti chiedono un meccanismo chiaro per limitare il potere delle banche sugli Stati più colpiti dalla crisi e maggiori risorse per contrastare la disoccupazione), tutta da riscrivere la sezione dedicata all’istruzione e alla formazione. Il giudizio finale è quindi molto netto: Il patto di coalizione palesa che con l’Union non è possibile alcun cambiamento. Perciò non possiamo approvarlo. Anche se non espressamente indicato (a inizio documento si fa riferimento, polemicamente, alla volontà del vertice del partito di escludere qualsiasi ipotesi di coalizione “a sinistra” con Grünen e Linke), i giovani della SPD sono convinti che l’unica soluzione possa essere rappresentata da un’alleanza con le forze progressiste del Bundestag: ipotesi che mette in discussione l’intera strategia sin qui seguita dal vertice della SPD.

La nuova segretaria dell’organizzazione, Johanna Uekermann, ventiseienne con una laurea in Scienze politiche, ha chiarito che il voto sul Koalitionsvertrag non costituisce una sfiducia verso il vertice del partito. E che, riporta la FAZ, il partito non deve temere nuove elezioni. Che nella SPD la nuova generazione sia finalmente pronta ad avviare rapporti con la Linke non più segnati solo dal risentimento e dalla rabbia è un fatto sicuramente positivo. Qualche dubbio, invece, resta sul fatto che le nuove elezioni potrebbero giovare alle forze progressiste: ma l’interessante elaborazione maturata dai giovani della SPD merita di essere seguita e costituisce indubbiamente un segnale incoraggiante per il futuro (anche perché l’incontro delle forze progressiste è effettivamente l’unica ipotesi credibile per un cambiamento reale nel sistema politico tedesco).

Sul fronte conservatore, invece, va segnalata l’iniziativa lanciata da giovani membri del Partito, Heute die richtigen Entscheidungen für 2017 treffen (più o meno: Prendere oggi le giuste decisioni per il 2017). Il documento è parso alla stampa tedesca come una bocciatura del Patto di coalizione (qui la Süddeutsche e qui la FAZ). Il documento parte da un’analisi delle elezioni: i partiti conservatori sono stati premiati e CDU-CSU sono al momento gli unici veri partiti di massa in Germania, anche e soprattutto dai giovani. Lo “spirito del tempo” è, dunque, chiaramente conservatore.

La Grande coalizione è, quindi, quasi un incidente di percorso, una necessità contingente perché le strade dell’Union e quella della SPD sono destinate a dividersi e i partiti conservatori devono tornare a definire un’alleanza chiara con i propri “partner” storici, i liberali. Il documento persegue infine due obiettivi: da un lato la definizione di interventi nel partito per assicurare un ricambio generazionale, dall’altro (e questa è sembrata una bocciatura del Patto di coalizione) lamenta la poca ambizione del partito per scuola, ricerca formazione, digitalizzazione e quanto altro è rilevante in particolare per le nuove generazioni.

Va, infine, segnalato che il Congresso della FDP, il partito liberale, si è concluso qualche ora fa. Nuovo segretario è Christian Lindner, classe 1979, già membro del parlamento regionale del Nord Reno – Vestfalia. Il partito è, per la prima volta nella storia della Repubblica federale tedesca, fuori dal Bundestag: ecco perché il neo-segretario ha ripetuto più volte la parola “coraggio”, per rianimare i propri militanti e per bocciare il Patto di coalizione che, senza mezzi termini, metterebbe le mani nelle tasche dei risparmiatori tedeschi. Come scritto in precedenza, l’uscita dal Bundestag dei liberali non è un affossamento definitivo del partito e, anzi, potrebbe addirittura essere benefico: il nuovo segretario potrebbe avere la necessaria capacità per condurre un’efficace opposizione alla Grande coalizione e presentarsi come l’ago della bilancia per una nuovo patto conservatore, chiuso ai socialdemocratici. La rilevanza della FDP nel sistema politico tedesco è, quindi, tutt’altro che azzerata.

La strada per una nuova alleanza tra Liberali e Conservatori comincia a prendere forma, pur in presenza del Patto di coalizione con la SPD. A sinistra è bene che se ne rendano conto quanto prima.

NB Oggi si è anche concluso il congresso del SDS, la Federazione degli Studenti socialisti, vicini alla Linke, per ora non ci sono documenti pubblicati sul sito. Quanto prima seguiranno aggiornamenti.

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...