Limiti all’esercizio della libertà religiosa.

Posted by

Una ragazza di fede mussulmana non può chiedere di essere esonerata dalle lezioni di nuoto qualora sia possibile prendervi parte indossando abiti idonei a non tradire le proprie convinzioni religiose (si fa riferimento, con termine orrendo, al cosiddetto Burkini). Lo ha stabilito ieri il Bundesverwaltungsgericht respingendo il ricorso della querelante e dei suoi genitori.Dopo il rifiuto della scuola di accogliere la richiesta di esonero dalle lezioni di nuoto, i genitori e la ragazza, allora dodicenne, avevano chiesto l’intervento del giudice.

Prima il Tribunale di Francoforte e poi la Corte di Kassel (Verwaltungsgerichtshof) avevano respinto il ricorso.

È interessante rilevare che il Bundesverwaltungsgericht ha ulteriormente affermato che il diritto di libertà religiosa non fonda alcuna pretesa a non doversi confrontare, nell’ambito dell’istituzione scolastica, con i comportamenti di terzi – incluse le abitudini riguardanti l’abbigliamento – che sono diffusi in molti luoghi o in determinati periodi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...