Ancora sul sindacato e le elezioni. L’appello al “cambiamento” del DGB.

Posted by

Qualche giorno fa il DGB (Deutscher Gewerkschaftsbund), la struttura di raccordo tra i vari sindacati tedeschi, ha diffuso un documento sulle elezioni politiche, molto simile a quello avanzato dai Ver.Di, il sindacato dei servizi. Il sindacato chiede ai cittadini di andare a votare e di scegliere quelle forze che dovrebbero dar vita a un “cambiamento” nel quadro politico. Si tratta, con tutta evidenza, di una bocciatura per la Merkel e il suo governo (che, tuttavia, non sembrano essere molto preoccupati). Inoltre su questi temi, il sindacato lancia per il 7 settembre una giornata di mobilitazione in tutta la Germania, per informare ulteriormente i cittadini sulla necessità di un cambio di passo nelle politiche federali e sulle priorità individuate.

header_renteIl documento del sindacato sintetizza brevemente le parole d’ordine sulle quali realizzare questo cambiamento: salario minimo a 8,50 euro l’ora, pensioni sicure, nuovo “piano Marshall” per l’Europa per far ripartire l’occupazione e aiutare i paesi in difficoltà a uscire più forti dalla crisi. Infine si fa riferimento – l’attacco è qui mosso alla retorica della principale forza alleata della Merkel, la FDP – alla necessità di un ruolo attivo dello Stato per investire pienamente in infrastrutture e formazione, anche tramite un sistema fiscale più giusto.

Coerentemente con la tradizione sindacale, il DGB non invita a votare un determinato partito, ma, come già accaduto per i Ver.Di, declinare la parola cambiamento significa innanzitutto bocciare il governo in carica. Il resto delle parole d’ordine sono, invece, una chiara adesione al programma socialdemocratico. Tuttavia tutto ciò  non sembra al momento in grado di scalfire il consenso di Angela Merkel: di fronte a un elettorato spaventato dalla crisi e dai costi che gravano sul paese, le richieste progressiste sembrano confuse e ben poco allettanti. Manca tutt’ora una  declinazione, meno retorica e più realistica, della solidarietà e un coordinamento più stretto tra le forze politiche progressiste e di quelle sindacali a livello europeo.

Qui un documento complessivo del DGB sulle elezioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...